Gli anziani del “Primavera” svolgono“AllenaMenti”

E’ un progetto sperimentale che punta a migliorare la qualità di vita degli ospiti del Centro

Nel Centro Sociale “Primavera” è in corso l’attuazione di un progetto sperimentale dal titolo “AllenaMenti” che si prefigge di favorire un invecchiamento sano con l’arricchimento della qualità di vita dell’anziano tramite relazioni autentiche e stimolanti che favoriscono l’espressione di sé ed evitano l’isolamento sociale.

Il progetto, promosso dal Comune di San Benedetto del Tronto in collaborazione  con la  Cooperativa “Picena” che gestisce la struttura e la cooperativa “Nomeni” che gestisce nel territorio centri diurni per  pazienti non autosufficienti affetti da demenza di lieve e media intensità, parte dall’assunto che  l’invecchiamento diventa un percorso di vita lungo il quale l’anziano continua a sentirsi parte attiva e cuore pulsante di nuove relazioni sociali.

Photo by Sikes Photos on Pexels.com

Sono previsti fino a dicembre due incontri settimanali di due ore ciascuno con gruppi strutturati in base alle capacità funzionali e cognitive degli anziani ospiti durante i quali si svolgeranno attività ed esercizi mirati a stimolare la riattivazione di specifiche funzioni (memoria, linguaggio, attenzione), l’orientamento nel tempo (giorno, mese, anno, festività…), nello spazio (percorsi, stanze della struttura di residenza). L’obbiettivo generale è quello di lavorare, basandosi sul modello della  “Stimolazione cognitiva”, sulla persona affetta da deterioramento cognitivo (tramite attività di stimolazione) per rallentare il decorso della malattia e migliorare la qualità di vita.

Photo by RODNAE Productions on Pexels.com

“L’intervento non ha lo scopo di arrestare la malattia – spiega l’assessore alle Politiche Sociali Emanuela Carboni – ma si prefigge di sollecitare le potenzialità residue della persona per rallentarne il decadimento e ottenere una positiva ripercussione sul benessere quotidiano. L’obiettivo dunque non è guarire ma raggiungere il miglior livello funzionale possibile”.

Il progetto potrà essere in futuro esteso anche ad analoghe strutture del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.